google-site-verification: googleef791a9681790fa6.html verdivogliewedding: archeologia arborea

archeologia arborea


”In questi anni abbiamo cercato di riallacciare il filo della memoria che si era interrotto tra le generazioni; abbiamo creduto che fosse necessario prendersi la responsabilità di salvare e conservare non solo il patrimonio genetico vegetale ma anche il sapere tradizionale e la cultura rurale, perché abbiamo creduto e crediamo che senza le nostre radici colturali e culturali non ci sia un futuro sostenibile.” 
Isabella e Livio Dalla Ragione. 

Nella tenuta di S. Lorenzo di Lerchi, a Città di Castello, è stata costituita un frutteto con il materiale ritrovato negli anni. Le piante coltivate con i sistemi tradizionali, sono in un contesto che recupera e restituisce armonia e suggestioni di un paesaggio agricolo di antico ricordo. Sono presenti circa 400 esemplari piante di età diversa, di 150 varietà e di diverse specie tra melo, pero, ciliegio, susino, fico, mandorlo, nespolo e melo cotogno. Ognuna di queste varietà è stata studiata e catalogata ed inoltre è saga verificata la possibilità di reintroduzione, di produzione e commercio. La collezione, che ha lo scopo del mantenimento delle risorse vegetali e culturali, testimonia e conserva un importante aspetto del patrimonio storico, culturale, sperimentale e genetico. Tutte le varietà ritrovate sono di fatto una grande risorsa da utilizzare, dando così alla collezione una funzione di mantenimento della biodiversità e delle produzioni locali. Archeologia arborea